Personal tools
You are here: Home \ Orientamento in Itinere (OR.I.) \ OR.I. 05 \ Le attività del Servizio Se.Co.Ps
Document Actions

Le attività del Servizio Se.Co.Ps

by Staff last modified 2008-10-03 07:53
Il “Servizio di Consultazione Psicologica” sin dal lontano 1994, anno in cui è stato fondato all’interno del Dipartimento di Psicologia, ha voluto costituire un’interfaccia dinamica tra l’istituzione formativa ed il mondo giovanile. Facendosene carico direttamente e avviando il suo consolidamento attraverso il Progetto Arianna, l’Università degli Studi di Bari ha mostrato di avvertire chiaramente la domanda di miglioramento della qualità della vita espressa dal mondo giovanile studentesco e si è identificata con quello spirito e quella coscienza che già molti anni prima ha permesso alle Università inglesi ed americane di capire precocemente che la crescita scientifica e civile di una grande comunità si realizza principalmente attraverso il miglioramento della qualità della vita e delle condizioni psicologiche e ambientali in cui si svolge il processo formativo dei giovani.

Illustrazione delle attività avviate e degli obiettivi.

Per una illustrazione chiara e sintetica delle attività del SeCoPs è opportuno procedere in modo schematico, differenziando i livelli di attività e descrivendo gli interventi attivati:

1. Il lavoro di counselling psicodinamico vero e proprio, distinto in:

                        1.1. “counselling individuale”

                        1.2. “counselling attraverso il gruppo”.

2. La creazione e l’operatività di ulteriori canali di comunicazione ed interazione con gli studenti, con l’Istituzione e con il territorio (sito internet, forum, e-mail).

3. Forme di pubblicizzazione del Servizio.

4. Progetti di ricerca.

5. Progetti di formazione.

¨               Per quanto attiene al punto 1, va subito fatta una premessa che permette di interpretare alcuni dati registrati soprattutto nella prima metà del 2006. Infatti, l’incerta congiuntura relativa alle procedure di approvazione e di avvio del Progetto Arianna, la posizione precaria dei collaboratori* del Servizio, nonché alcune incertezze riguardanti decisioni interne al Dipartimento di Psicologia in merito al proprio coinvolgimento nell’attività del SeCo

Dopo una fase di rallentamento dell’azione clinica e  pubblicitaria del Servizio nei primi 8/9 mesi del 2006, va sottolineato che con l’avvio del Progetto Arianna tra ottobre 2006 e febbraio 2007 sono stati avviati 84  cicli di colloqui di “counselling individuale” (pari al 70% del numero totale dei cicli svolti nel 2006) ed è stato possibile far partire il primo ciclo di “counselling attraverso il gruppo”, con la disponibilità di 10 studenti. Questi risultati hanno diffuso un clima di fiducia ed un rinnovato entusiasmo all’interno del SeCoPs.

¨               La principale conseguenza pratica di questo clima rinnovato riguarda i punti 2 e 3: la progettazione e il passaggio all’operatività di un insieme di iniziative miranti a promuovere la diffusione della conoscenza del SeCoPs all’interno dell’Università, la pubblicizzazione delle attività del SeCoPs, l’operatività di alcune sue funzioni interattive, quali il sito www.secops.uniba.it, un forum, e un calendario di incontri-discussione a partire dalla visione di films su temi sollevati e discussi dai giovani all’interno del forum.

• attualmente il SeCoPs dispone di un sito che è uno spazio virtuale dinamico ed interattivo all’interno del quale i giovani possono informarsi, incontrare il Servizio, effettuare le prenotazioni on line per le consultazioni, ma, anche, incontrarsi e interagire con altri giovani attraverso il forum.

Per quanto riguarda il sito, fa piacere registrare che fino a metà del mese di marzo 2007 sono state registrate c.a. 1500 visite (80% provenienti da www.uniba.it, il restante 20% proveniente da vari providers e dall’estero)

• Per quanto riguarda il forum, che ha cominciato ad operare dal 30/10/2006, si registrano ormai  oltre 45000 interventi, 30 argomenti di discussione e 721 utenti registrati.

• Quanto, poi, alla posta elettronica (consultorio@psico.uniba.it), funziona ottimamente il link con il sito www.secops.uniba.it all’interno del quale i giovani possono compilare la scheda di prenotazione online per le consultazioni.

•  Riguardo alla pubblicizzazione dell’esistenza e dell’attività del SeCoPs, oltre al link col sito attraverso la homepage dell’Università degli Studi di Bari, abbiamo individuato ulteriori canali:

• L’accesso al servizio di mailing list degli studenti dell’Ateneo.

• Si è pensato anche ad incontri con gli studenti e con i docenti presso le singole Facoltà, previa lettera di presentazione e di richiesta ai Presidi delle Facoltà.

•  Altre forme di pubblicità sono: la diffusione di un piccolo opuscolo e di locandine. Per una maggiore diffusione della conoscenza delle attività del Servizio sul territorio, oltre le mura dell’Ateneo, e per inaugurare un modo di rapportarsi dinamico con le diverse realtà territoriali  si è pensato a due vie:

- La prima è rappresentata dai consueti canali massmediali (principalmente la stampa).

-  La seconda consiste nell’organizzare una conferenza tra le diverse strutture e servizi (principalmente la Regione, le ASL, il Comune e gli Enti convenzionati) che si occupano del disagio giovanile e dell’aiuto psicologico ai giovani.

¨         Il Servizio di Consultazione Psicologica, in quanto espressione delle funzioni dell’Università, intende adempiere non solo a funzioni di intervento, ma anche di ricerca e di formazione.

• Per quanto riguarda  la ricerca, si sta pensando ad un progetto che si prefigga di indagare due ambiti che confluiscono nell’attività del SeCoPs:

  1. esplorare l’identità e l’immagine di sé nei giovani dell’università e delle scuole secondarie superiori, al fine di disegnare un profilo delle loro aspettative, delle loro ansie, delle loro paure, dei loro valori.
  2. valutare l’efficacia dell’intervento di counselling.

In questa prospettiva, contestualmente all’avvio delle iniziative per il rilancio del  Servizio, ogni studente che svolge il suo processo di counselling compila, prima e dopo il ciclo di colloqui, il modulo dell’Adjective Check List (ACL), allo scopo di confrontare i due profili ottenuti.

Mi preme sottolineare, riguardo a questo, che uno degli impegni del SeCoPs è stato quello di realizzare la completa informatizzazione del test ACL. Ciò ha enormemente semplificato e velocizzato sia la somministrazione sia il calcolo e l’analisi dei profili.

• Per quanto riguarda la formazione, sono state individuate due direzioni operative:

•  la costituzione di un gruppo di lavoro finalizzato all’approfondimento di alcuni temi della psicologia, formato da studenti del Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e frequentanti il corso di Psicodinamica dei Gruppi (questo gruppo, sperimentale, potrà essere seguito da altri gruppi, di costituzione più ampia e differenziata).

•    possibilità di attuare percorsi di formazione e di perfezionamento nella tecnica del counselling psicodinamico, anche in cooperazione con altri enti pubblici e/o privati (Regione, ASL, Comune, istituti di specializzazione riconosciuti dal MUR, ecc.)

¨ Quadro riassuntivo degli altri risultati:

• Inizio dell’attività anno 1994

• n. totale di studenti che sino a dicembre 2006 hanno svolto il ciclo di colloqui:  1150

n. di studenti che si prvede possano essere coinvolti nelle attività del SeCoPs nel 2007: 500

 

• Distribuzione per sesso dal 1994 al 2003:   Maschi  20% ca          Femmine 80% ca

• Distribuzione per sesso dal 2003 a dicembre 2006: si assiste ad un incremento della domanda di consultazione psicologica da parte del sesso maschile

Maschi  30% ca          Femmine 70% ca

• Distribuzione degli studenti per Facoltà 2005 – 2006:

-Sc. della comunicazione                   3%

-Sc. dell’educazione                          4%

-Sc. Biotecnologiche                          2%

-Scienze Geologiche                          2%

-Scienze della Formazione                 6%

-Scienze Politiche                              2%

-Veterinaria                                        4%

-Zootecnia                                          1%

-Corso perfezionamento/master         2%

-Chimica                                            2%

-Conservazione e beni culturali          5%

-Economia                                          8%

-Farmacia                                           2%

-Giurisprudenza                                 4%

-Ingegneria                                         2%

-Informatica                                       2%

-Lingue                                              4%

-Lettere e Filosofia                            15%

-Medicina                                           14%

-Psicologia                                         16%

Dall’esame di questi dati emersi di recente, si evince l’alta frequenza di domanda di consultazione psicologica presso la sede della SeCoPs da parte degli studenti della facoltà di Medicina, che, insieme a quelli di Psicologia e Lettere e Filosofia rappresentano il gruppo più consistente (14% Medicina – 15% Lettere e Fil. - 16% Psicologia).